Tradizione da generazioni

Alla base di un gesto o di una cultura tradizionale, nel nostro caso quello della rasatura classica, c’è sempre qualcuno che trasmette a qualcun altro.

Il nemico della tradizione non è il progresso, ma solo quella parte di esso che si vuole emancipare (Freudianamente) “uccidendo il padre”.

Questa introduzione era d’obbligo per far capire che il rapporto padre-figlio non viaggia solo su dei binari di genetica diretta. Non per forza abbiamo un padre solo, ma tutti i nostri padri modificano il nostro modo di pensare e la nostra vita in genere: la musica, la cultura, le emozioni, perfino compagni e coniugi possono essere “padre” della nostra vita.

Senza voler essere patriarcali, ma identificando quindi dal mero punto di vista letterale il termine padre con tutto ciò che genera in noi qualcosa.

Comprendendo quindi anche nostra madre o tutte le donne importanti che sono state importanti.

Tuttavia il bello della rasatura tradizionale, alleggerendo l’argomento, è proprio che sono degli uomini che trasmettono ad altri uomini. Non è maschilismo culturale, ma mera genetica. Parlando di passione, invece, sono fermamente convinto che la maggior di voi mentre si rade o si prende cura della propria barba, ha perfettamente in mente come lo fa, oppure lo faceva, suo padre o qualche persona che gli ha fatto da padre. Si potrebbe dire molto del rapporto padre-figlio, ma in questa lettera voglio sottolineare poche cose, solo tra le belle e solo inerenti al gesto della rasatura.

Ho detto poche? 

Anzi, mettiamo che vi dico solo la mia metafora preferita. Radersi in modo tradizionale è farlo come questi uomini importanti per la nostra vita ci hanno insegnato. Spesso fare di testa propria, senza cura dell’esempio e della tradizione, può far sentire liberi, ma spesso può farci sbagliare. Un movimento del rasoio fatto in un modo diverso da quello che ti hanno insegnato, spesso, crea dei tagli: più o meno dolorosi;più o meno profondi.

 

Per questo motivo sono fiero di aver impostato un’azienda che tutela il valore della TRADIZIONE rendendola moderna; e cioè, pensandola come da adattare e migliorare, ma sicuramente da non cestinare, ma anzi da trasmettere.

 

Aprendovi alla mia emozione vi dico che:

Ogni volta che prendo in mano il rasoio o un prodotto per la cura di me stesso, di fronte allo specchio, vedo tutti gli uomini per me importanti (vivi o non vivi) in quella stanza riflessa. E’ una delle migliori compagnie possibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *